Offerta didattica

Il Piano dell'Offerta Formativa (POF) è il documento costitutivo dell'identità culturale della Scuola, nel quale l'Istituto esplicita le proprie capacità progettuali, educative ed organizzative in esso infatti, vengono illustrate le linee distintive dell'Istituto, l'ispirazione culturale-pedagogica che le muove, la progettazione curriculare, extracurriculare, didattica ed organizzativa delle sue attività. l'iter costitutivo del documento prevede che tutti i progetti che lo compongono, presentati attraverso una scheda progetto, vengono vagliati da un'apposita commissione all'uopo designata, che ne valuta la fattibilità, sia in termini dadattici che organizzativi ed economici quindi, il Collegio dei Docenti prima ed il Consiglio d'Istituto poi provvedono all'approvazione del documento definitivo.

SCHEDA PROGETTO DIDATTICO (da compilare a cura responsabile di progetto)

 

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA (POF) a.s. 2014/15

ELENCO PROGETTI (POF) a.s. 2014/15

 

LOGO UE PONFESR2014-2020

PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-BA-2015-56

Realizzazione rete LAN/WLAN "S.A.L.T.A. in Rete"

L'acronimo del titolo deriva dagli indirizzi di studio presenti nell'ISIS 'Giovanni Paolo II': (S) (A) Scientifico, Artistico - licei-, (L) (T) Logistica e Traporti -tecnico-, (A) Alberghiero -professionale- ai quali, principalmente, è destinato l'utilizzo delle infrastrutture che si intende realizzare con il presente progetto. Per costruire una Scuola Nuova, in cui anche gli studenti DSA o BES possano fruire al meglio degli insegnamenti e apprendere attraverso i supporti tecnologici, è necessario che si rafforzi la RETE: l'evoluzione della didattica chiama in campo professori formati adeguatamente non solo a utilizzare i computer o altri strumenti digitali, ma anche a capire in che modo tutto questo può diventare un valore aggiunto. Non si tratta semplicemente di aggiungere ore di informatica alle lezioni, ma di arrivare a un diverso approccio alle materie in cui il digitale faccia parte della didattica a livello interdisciplinare. L'idea che tutto ciò che è digitale sia fruibile all'interno della Scuola, dell'Istituto, è necessario raffozare l'uso della RETE in maniera tale da facilitare la trasmissione dati all'intero dell'ambiente scolastico e di gestire i dati velocemente e in maniera trasparente. Uffici, aule, Biblioteca e altri ambienti possono essere trasformati in ' setting' attivi con una comunicazione veloce e trasparente.

I destinatari dell'intervento sono gli alunni, i docenti, gli esperti, i tutor e tutto il restante personale della scuola che potrà accedere alla rete wireless previa autorizzazione e mediante autenticazione. Gli alunni usufruiranno dell’ intervento per potersi attivare nella didattica digitale collegata al progetto 2.0 Il presente progetto ha l’obiettivo di realizzare una rete Wi- Fi/LAN per garantire un’adeguata copertura di tutte le aule e di tutti gli spazi comuni, considerato che la tecnologia informatica è diventata una parte integrante e sempre più indispensabile al corretto ed efficiente funzionamento dell’intera struttura scolastica, sia dal punto di vista amministrativo (servizi di segreteria, orario, scambio dati, ecc.) che dal punto di vista didattico ( progetto digitale classe 2.0,laboratori informatizzati, videoconferenza, ecc.) La struttura scolastica è fornita di un proprio sistema informatico di rete locale interna all’edificio ma incompleto sotto alcuni aspetti e obsoleto sotto altri. Per rendere veloce ed efficiente la circolazione delle informazioni desiderate all’interno di ogni aula o ufficio, il nuovo standard per reti wireless si è rivelato la soluzione ideale. La nuova rete si aggiungerebbe a quella cablata già esistente che raggiunge solo una minima parte della struttura e gli uffici, e consentirà di fornire all’utenza lteriori servizi innovativi di tipo sia amministrativo che didattico: uno degli obiettivi principali, infatti, è quello di incrementare l’uso di contenuti digitali in aula da parte degli insegnanti e, soprattutto, degli studenti per innovare e rendere più interattiva la didattica; l’accesso a materiali didattici e contenuti digitali sarà veloce e senza costi e, se impossibilitati, si potranno seguire le lezioni o gli incontri anche tramite web. Non si tratta soltanto di introdurre “nuove tecnologie”, ma costruire setting che ripensino, non l’arredo tecnologico, ma l’“ambiente scuola”, quello dell’organizzazione degli spazi e dei tempi dell’apprendimento, quello degli obiettivi formativi e, soprattutto, quello che riguarda il ruolo dei docenti. Gli insegnanti devono considerare la “sapienza digitale” che gli adolescenti dimostrano quando apprendono in modo auto-diretto, guidati dall’interesse, con modalità peer-teaching e peer-feedback , soprattutto se raffrontata alle “mancanze” (di interesse, di metodo e via dicendo) rilevate nell’ambito della formazione istituzionale e nello stesso tempo essere consapevoli che i nati nell’era digitale fanno un uso della tecnologia, in cui sono immersi, spesso molto tradizionale e decisamente orientato alla fruizione più che alla produzione di contenuti. Obiettivi specifici e risultati attesi • Attivare o potenziare il collegamento ad Internet in modalità wireless in tutti i locali della scuola • Migliorare il sistema di cablaggio, adeguandolo ai nuovi standard • Permettere l'accesso ad Internet a tutto il personale della scuola e agli alunni con le opportune politiche di controllo degli accessi • Adeguare le infrastrutture alle necessità derivanti dall'utilizzo di dispositivi e applicazioni utili allo svolgimento delle attività didattiche e alla compilazione del registro elettronico • Ampliamento delle possibilità di accesso alla rete a fini didattici • Attivazione e fruizione veloce dei contenuti digitali Cl@ssi 2.0 • Riduzione consistente dell'uso di strumenti cartacei, automatizzazione e semplificazione delle procedure attraverso l'uso del registro elettronico e dello scrutinio elettronico. • Produzione di contenuti didattici digitali e condivisione degli stessi tra i docenti dell'istituzione.

Metodologie. La realizzazione della rete wireless sarà alla base del rinnovamento delle metodologie utilizzate nella didattica curricolare e necessarie a creare il setting delle classi legate al progetto Cl@ssi 2.0. Non si tratta soltanto di introdurre "nuove tecnologie", ma costruire setting che ripensino, non l'arredo tecnologico, ma l'"ambiente scuola", quello dell'organizzazione degli spazi e dei tempi dell'apprendimento, quello degli obiettivi formativi e, soprattutto quello che riguarda il ruolo dei docenti. Gli insegnanti devono considerare la "sapienza digitale" che gli adolescenti dimostrano quando apprendono in modo auto-diretto, guidati dall'interesse, con modalità peer-teaching e peer-feedback , soprattutto se raffrontata alle "mancanze" (di interesse, di metodo e via dicendo) rilevate nell'ambito della formazione istituzionale e nello stesso tempo essere consapevoli che i nati nell'era digitale fanno un uso della tecnologia, in cui sono immersi, spesso molto tradizionale e decisamente orientato alla fruizione più che alla produzione di contenuti. Sarà possibile utilizzare strumenti collaborativi, materiali condivisi, test e questionari online, lezioni multimediali, esercitazioni interattive. Attraverso la rete sarà possibile per i docenti compilare e aggiornare in tempo reale il registro elettronico. La rete wireless consentirà l'accesso a tutti gli utenti preventivamente autorizzati (che disporranno/non disporranno di credenziali di accesso personali e differenziate in base alla categoria di appartenenza). La possibile creazione in rete di gruppi di lavoro più eterogenei arricchirà le competenze e la partecipazione di ognuno, esaltando le eccellenze "nascoste". Il progetto che si vuole realizzare è volto ad una maggiore interazione nel processo insegnamento apprendimento, in quanto portare ad abbandonare il concetto di lezione frontale per giungere ad organizzare situazioni di apprendimento per scoperta (problem solving), soprattutto nella forma del cooperative learning. Nella fase attuativa classe 2.0 , sotto il profilo logistico, avrà una propria sede all'interno dell'Istituto, OPEN SPACE come spazio privilegiato di laboratorialità e cooperative learning, con bisogno di supporto di moderne tecnologie e di un setting di spiccata attrattività e funzionalità. Per le esigenze didattiche saranno indispensabili collegamenti tra le diverse aree. Si tratta di scelte progettuali finalizzate alla valorizzazione della professionalità docente in una logica di riflessività, funzionale alla crescita del successo scolastico degli allievi.

AVVISO DI AUTORIZZAZIONE PROGETTO E COMUNICAZIONE AVVIO ATTIVITA'